cucublog

curiosità & cultura

Le orecchie tappate

4 commenti

Ma li avete visti??
La gente in treno, in autobus, sul tram, anche in giro a passeggio.
Tantissimi hanno gli auricolari nelle orecchie, principalmente con la musica, altri quelli del cellulare.
Escono di casa già così!? e se li tolgono solo giunti a destinazione (qualcuno nemmeno allora…).
Ma il mondo, l’avete mai ascoltato??
I rumori intorno, gli umori degli altri. Il cigolare del mezzo su cui state, lo sternuto di quello seduto a fianco a voi. Gli avete detto “Salute”?
Il variare sottile dei suoni nelle diverse stagioni. Eh si, mica sono sempre uguali, in base all’aria, al calore, al contesto, cambiano.
Stappatevi le orecchie ogni tanto!  😉
Diventate sordi al mondo così. Manco aveste il cerume!? Quello se non altro, ha una sua funzione…  😀

Autore: cucublog

curiosità, cultura, condivisione, partecipazione, spontaneità, sorrisi, entusiasmo, passione, letture, poesie, fotografia, architettura, design, arte, mostre, musei, viaggi, cucina, ricette, sperimentazioni ;-) , innovazione, rinnovamento, evoluzione, gioia, solarità, informazione, ..... :-)

4 thoughts on “Le orecchie tappate

  1. Tra l’altro adesso non vanno più neanche gli auricolari! Vanno questi cuffioni grandi e colorati, tipo anni ottanta: letteralmente dei “copricapo” tecnologici, che isolano ancor di più dal mondo chi li indossa. Di positivo hanno che almeno da fuori non sei costretto a sentire la musica a tutto volume che gli sfonda i timpani…
    Io la musica la ascolto praticamente solo in macchina e a casa, perciò le cuffie non mi ricordo quasi che roba siano. Quando andavo a scuola passavo molto tempo in autobus ad ascoltare rumori e ad osservare i passeggeri. Ci scrissi persino un racconto thriller, su quel cigolìo infernale 😀

  2. I migliori sono quelli che girano con gli auricolari ma non ascoltano musica e neanche parlano al telefono, lo fanno così, per non essere disturbati, come deterrente, ti guardano, senza espressione e con le dita battono un tempo che non c’è. E che non ci sarà mai.

  3. Hai ragione! questo suono altissimo procurerà loro disturbi gravi all’aduti in vecchiaia e acufeni. Un abbraccio

  4. La storia non è solo recente facciamo un salto esattamente nel 1987… Andavo spesso per lavoro a Milano, partivo da Peschiera d/G e poi da Milano Centrale prendevo la metro… Questa situazione si verificava anche allora, auricolari nelle orecchie o /rivista libro in mano, chi stava vicino non esisteva, una chiusura totale. Mi meravigliai molto di questo; notai che stranamente, sul treno era diverso, li un minimo di colloquio esisteva, ma sulla metro 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...