cucublog

curiosità & cultura


Lascia un commento

Lui e la notte 

Sono raggomitolata sul divano con un piccolo E.T. sulla pancia. Emana calore e vibrazioni, cura e rimedio. Emette suoni, messaggi segreti, dei quali sono lusingata, dai quali cerco di cogliere. Se non lo ascolto, mi punta gli occhi negli occhi, richiamo e rimprovero, due piccole scintille tra il nero, lui e la notte. 


Lascia un commento

Etimologia #9 : SALUTE

Deriva dal latino “salus” (a sua volta proveniente da “salvus”, ossia salvo) e significa salvezza, incolumità, integrità.
Salute indica quindi una condizione di benessere completa, che riguarda corpo, anima e mente.
L’OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità,  http://www.who.int/en/ ) ha definito la salute come uno “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”. Definizione assolutamente appropriata direi, che coinvolge infiniti aspetti.
Mi sembra di osservare in giro che “in tempi di crisi”, le persone finalmente prediligano la qualità, della vita in generale e facciano quindi scelte più coscienti, coscienzionse, mirate, salutari. Essendo l’argomento così complesso, anche queste scelte lo sono, variegate, molteplici, con motivazioni ed effetti diversi. Ma hanno in comune un denominatore: si opta per ciò che fa stare bene, che non significa solo essere sani a livello fisico, ma anche preferire oggetti, abbigliamento, cibo, attività nel tempo libero, lavori, … che ci fanno sentire bene, con noi stessi e con gli altri, possibilmente sereni, felici, appagati, soddisfatti, …
La salute quindi ce l’abbiamo, ma va mantenuta, curata, evoluta. Non dobbiamo darla per scontata e renderecene conto solo quando qualcosa non va, quando magari prendiamo un malanno e pensiamo sia solo una questione del corpo.
L’attenzione su questi argomenti è cresciuta nel tempo e ha coinvolto molti settori (tutti direi, o quasi…): sanità, scienza, psicologia, società, socialità, fede, lavoro, arte, istruzione, educazione, cucina, sport, ….
Sono  molte infatti le iniziative interessanti in giro :

http://www.viveresaniviverebene.it/

http://www.biosalute.eu/

http://www.bergamoscienza.it/ITA/Homepage.aspx

http://www.salonecibosicuro.it/

http://www.festivalscienza.it/site/home.html

http://www.fierabolzano.it/fieraautunno/

http://www.naturalexpo.it/

http://www.cibus.it/


Lascia un commento

Nello stand-by…

Qui a letto non ci sono molte cose da fare… o almeno questa può essere l’impressione. In realtà si può riposare, pisolare, leggere, ascoltare musica, ascoltare gli altri e i vari rumori (più o meno di fondo), lo scorrere del tempo-non tempo (qui è tutto relativo, più che fuori…), se poi ti portano qualche ora il Mac e hai volgia di fare due chiacchere virtuali, eccoci qui! Insomma, volendo ce ne sono comunque di cose da fare.
Si può anche pensare, riflettere in un modo diverso, capire perchè si finisce qui, come giocarsi al meglio questa che è comunque un’occasione di esperienza, conoscenza, comprensione, acettazione, condivisione, …. cosa fare dopo, quando si esce, ma soprattutto come farlo! Perchè se si arriva qui in ospedale, o in ogni caso si viene “stoppati” da una malattia (breve o lunga, più o meno importante), un motivo c’è. Un motivo c’è sempre, niente capita a caso, mai.
Ne parlavo questa mattina con mia mamma, che in questi giorni mi aiuta e mi sostiene (grazie!) e riflettevo sul fatto che ho forse corso un po’ troppo in alcune cose, ho avuto troppa smania di realizzarle, sovraccaricandomi di intenzioni, aspettative, impegni, … dimenticandomi un po’ di me, o occupandomene non adeguatamente. O forse avevo bisogno di una gran bella pulizia di fine estate! Fuori il vecchio e avanti al nuovo  😉
E allora il mio fisico (in associazione con “altro” …chiamatela anima, spirito, chiamatela come volete) si sono ribellati. Tiè! E adesso impara!  😀
Ok, ci provo.. a dire il vero è parecchio che ci provo, mi pareva anche di esser diventata bravina, ma… devo aver “toppato” qualcosa, oppure, va bene comunque così! E’ solo un’altra esperienza, diversa certo, ma pur sempre valida, efficace, istruttiva.
E allora cercheò di trarne il meglio da questo pseudo stand-by, durante e dopo.
E voi? Cosa è capitato vi abbia stoppato? Cos’avete imparato?
Certo, mi dicono, si potrebbe fare a meno di questi “passaggi a-salutari” …sarebbe tutta salute  😉  Ma se non si passa da questi bardi, forse ci perderemmo anche qualcosa di importante, che altrimenti non scopriremmo mai….  😉
Buona serata!  🙂


Lascia un commento

Etimologia #2 : CURIOSITA’

Si dice che la curiosità è sintomo di intelligenza. Riguarda infatti il desiderio di conoscenza, di informazioni, il soddisfacimento dei propri interessi, dei dubbi. La sua origine, non a caso, così come per “cultura” (alla quale è strettamente correlata!), deriva dal latino “cura”, avere cura di sapere. Più che un comportamento, essendo caratterizzata dall’emozione, credo sia più corretto definirla un’attitudine, un atteggiamento, addirittura un istinto, che può essere diverso da persona a persona, in base alla situazione, all’oggetto, alla possibilità di soddisfarla.
Tant’è che la curiosità, destando molta curiosità, è costantemente sottoposta all’analisi di specialisti e studiosi dei comportamenti e della psiche… che tentano di soddisfarla  😉

Alcuni aforismi/citazioni interessanti in merito :

“L’arte di insegnare consiste tutta e soltanto nell’arte di destare la naturale curiosità delle giovani menti, con l’intento di soddisfarla in seguito. Per digerire il sapere, bisogna averlo divorato con appetito”. Anatole France

“La curiosità è una delle forme del coraggio femminile”. Victor Hugo

“Questo è il mio consiglio ai giovani: avere curiosità”. Ezra Pound

“Credo che alla nascita di un bambino, se una madre può chiedere a una fata di conferirgli un dono, il dono più utile dovrebbe essere la curiosità”. Eleanor Roosevelt

“La curiosità intellettuale disinteressata è linfa e sangue della vera civiltà”. George Maculay

“Colui che cerca con curiosità scopre che questo di per sé è una meraviglia”. Maurits Escher

“Non ho particolari talenti, sono solo appassionatamente curioso”. Albert Einstein

“Siate affamati. Siate folli”. Steve Jobs