cucublog

curiosità & cultura


Lascia un commento

L’Attesa…

Si, con la maiuscola, perchè è stata trepidante, curiosa, emozionante!
Ma ora sta per finire…
Oggi vado in stamperia a ritirare la mia (prima) opera!!  🙂
Di cosa si tratta?
Ve lo dico nei prossimi giorni!  😛

Un indizio?
…ci siamo dentro tutti!  😉

 


Lascia un commento

Lontane ma vicine = amiche

Ieri torno a casa e sulla cassetta della posta (si sopra, perchè dentro non ci stava…) trovo un pacchetto.
Cosa sarà?? Non aspetto niente. Scendo dalla macchina e lo prendo.
Subito cerco il  mittente o la provenienza.
E’ di Bianca, arriva dalla Germania. Cosa sarà??
Entro in casa… anzi no: sono al telefono con mia mamma (contemporaneamente) e le racconto quello che sta succedendo. E’ curiosa anche lei, quindi apriamo il pacchetto “isieme”.
Cerco subito il biglietto. So per certo che c’è un biglietto, Bianca non mi manderebbe niente senza un bel biglietto  😉
E infatti.
Mi commuovo già, ancora prima di leggerlo.
Mi scrive che da lei, quando una persona inizia un nuovo percorso di studi, si usa fare un regalo attinente alla cosa con “allegato” qualche dolcetto  🙂
Infilo di nuovo la mano nel pacchetto e trovo: un bellissimo quaderno per appunti con delle frasi/citazioni stampate, una stecca di cioccolata e un simpaticissimo angioletto di ceramica! 🙂
Che dire?  ….. (mi vengono ancora le lacrime (sorridenti) agli occhi…)….
Siamo lontane tanti chilometri, ma questo pacchetto me l’ha portato a mano, perchè io il suo abbraccio l’ho sentito e lo sento anche adesso!

 


Lascia un commento

Etimologia : EMOZIONE

Emozione deriva dal latino emovere, che significa trasportar fuori, smuovere, scuotere.
Si tratta del rafforzativo del verbo movere, che indica appunto muovere, agitare.
L’emozione infatti smuove dentro, chi allo stomaco, chi alle tempie, chi altrove, generando stati vari: agitazione, ansia, entusiasmo, commozione, tristezza, … dipende dal tipo di emozione.
Di emozioni nella vita se ne provano tante, per svariati motivi, alcuni oggettivi, altri del tutto soggettivi. C’è chi è più sensibile, chi meno; chi viene scosso da alcune cose e chi no; chi lo manifesta palesemente e chi non lo vuole dare a vedere.
Le scuole sono tante: alcuni sostengono che vanno assolutamente controllate, gestite, conosciute; altri che vanno vissute pienamente, abbandonandosi allo stato emotivo.
Penso ci sia una giusta via di mezzo, come sempre, e anche in questo caso dipende dal tipo di emozione. Solitamente le si distingue (come molte altre cose) in buone e cattive. Non credo sia corretta questa distinzione (non solo in questo frangente…) …l’emozione ci attraversa, una scossa di vita, comunque sia; ci svela cose che solo la sua luce può illuminare.
Ci sono periodi tranquilli e periodi densi di emozioni.
Questo per me è un periodo intenso  🙂
Una montagna russa la vita.
E allora… godiamoci la giostra!

“L’aspetto delle cose varia secondo le emozioni; e così noi vediamo magia e bellezza in loro, ma, in realtà, magia e bellezza sono in noi”.
Kahlil Gibran

“Innanzi tutto, l’emozione! Soltanto dopo la comprensione”.
Pauol Gauguin

 


Lascia un commento

Sono graditi visi sorridenti

L’ho preso qualche settimana fa, appena uscito, ma poi avevo altro da finir di leggere.
Questa mattina, con la tazza del caffè ancora fumante, ho sentito che era il giorno di aprirlo.
Nel mezzo sono intercorse un paio di pause, necessarie a sbrigare qualche faccenda e qualche necessità.
Ma pochi minuti fa, le pagine sono finite.
Se alla loro prima esperienza letteraria hanno avuto un grande successo, ora come minimo faranno il bis.
La differenza è che questa volta sono proprio loro a scrivere.
Ci raccontano di un altro viaggio, dal suo inizio in avanti; un viaggio lungo, complesso, faticoso, ma anche stupendo, interessante, avvincente; un viaggio ancora in corso, che non finirà mai.
Una lettura di quelle dalla forza incredibile, che ti stringe lo stomaco, ti inonda gli occhi, ti fa tracimare il cuore.
E nonostante tutto il dolore, l’amarezza, le difficoltà, le paure (superate!), gli ostacoli, … quello che ti chiedono è un sorriso!
Sono ancora in apnea…lascio parlare loro…

9788807070310_quarta.jpg.448x698_q100_upscale
P.S. Ottima idea regalo per Natale  😉  ..per spunti di riflessione vitale!
E ricordate: regalate(lo) con un sorriso!!  🙂

 


24 commenti

Etimologia #12 : SORPRESA

Sorpresa, sostantivo del verbo sorprendere, dal latino superprehendere, letteralmente prendere da sopra, ossia alle spalle.
La sorpresa è un’emozione di stupore che si ha in conseguenza di un evento inaspettato o contrario all’aspettativa creata nei confronti di qualcosa. Può generare gioia o paura, talvolta le due cose insieme.
Mi piace considerare l’accezione più positiva  😉
E’ meraviglia quando qualcosa ci sorprende, ci lascia per un attimo in apnea, felicemente stupiti e tremanti, per l’emozione dell’inaspettato e per quel che porta in sé. Un’apnea dalla quale a volte è quasi fatica riprendersi, sospesi in uno stato che ci sembra surreale, increduli dell’accaduto, incapaci di capacitarsi, entusiasti dell’opportunità che ci offre e timorosi di evolverla. Uno stato di grazia.
Mi è successo ieri… Quando me ne sarò capacitata, vi svelerò la sorpresa  😉
Nel frattempo, ringrazio di cuore!  …e mi godo l’apnea  😀

 


6 commenti

Le Nius

..e una bella news c’è, bellissima!!
E’ con immenso piacere e soddisfazione che vi annuncio che da oggi sarò on line anche con una collaborazione : “Le Nius”, nuova testata web, con radici a Milano e rami in tutto il mondo  😉
Su “Le Nius” potete trovare diverse sezioni, svariati argomenti, per tutti i gusti e tutte le curiosità.

http://www.lenius.it/

Per quel che mi riguarda, mi trovate nella sezione cucina, nella quale ogni quindici giorni, uscirà un mio articolo “Lifestyle”.
Si tratta di una specie di viaggio itinerante tra i prodotti, le tradizioni e le ricette che imparo a conoscrere ed incontrare gironzolando quà e là.

http://www.lenius.it/cucina/lifestyle/

Che emozione, che gioia!!
Un ringraziamento speciale ad Elia e Stefania che mi hanno voluta e mi hanno coinvolta. Grazie di cuore!!
E un in bocca al lupo a “Le Nius” e a tutti i partecipanti a questa iniziativa!
Seguite “Le Nius”!  😉


Lascia un commento

Piacevoli contraddizioni

L’architettura è una mia grandissima passione e come tutti, ho anch’io i miei “tecnici” preferiti.
Tra questi Renzo Piano, che per me spicca non solo come architetto, ma come persona. I suoi libri, che custodisco gelosamente e spesso risfoglio e rileggo, sono stati illuminanti, non essenso (solo) manuali tecnici, ma racconti esperienziali, di vita sia professionale che personale, vissuta con passione, percezione, spontaneità, riflessione, … piena.
Tanto che, in occasione del mio scorso compleanno, mia mamma ha fatto in modo che mi arrivassero i suoi auguri! Bellissima emozione! 🙂
Ieri la notizia della sua nomina a senatore a vita.
Ovviamente, un grande piacere, penso una grande soddisfazione personale per lui, al di là di qualsiasi cosa.
Ma… in Italia, non l’avevano pesantemente criticato, additato, persino boicottato?!  E ora??
Questa mossa, è una “toppa”, un cambio di opinione (rispettabilissimo!), oppure fa comodo “richiamare l’italianità” di un architetto che nonostante in Patria sia stato inizialmente “escluso”, è andato avanti per la sua strada, più convinto e più forte (tanto di cappello!! ..se ne parlava ieri sera con cari amici) e ha ottenuto ottimi risultati internazionali?
Mah… ancora una volta un paradosso. Ma a quanto pare, con un risvolto molto piacevole  🙂  Evviva!
Quando ieri mi è stata comunicato l’avvenimento, ho guardato gli auguri che ho incorniciato e appeso in casa, con orgoglio, stima e, non lo nascondo, anche un po’ di commozione e mi sono detta/gli ho detto : “Bravo Renzo! Complimenti!”  😉