cucublog

curiosità & cultura


Lascia un commento

Programmi per le vacanze…?

Buongiorno!
E’ arrivato agosto.
Come tutti (o quasi) anch’io questo mese potrei essere un po latitante…  😉
Non ho in programma grosse trasferte, ma brevi e fugaci. Comunque capiterà che sia meno presente, forse.
Voi avete programmi? Per questo mese specifico?
Se non ne avete e magari preferite organizzarvi un giro in concomitanza con qualcosa di interessante, curioso, divertente, stimolante, soprattutto per il prossimo mese, vi lascio qualche spunto:

http://festivaletteratura.it/

http://www.ferrarabuskers.com/

http://www.festivaldellamente.it/

http://www.bitontobluesfestival.it/

http://www.milanofilmfestival.it/mff2015.php

http://www.mitosettembremusica.it/#

http://www.pordenonelegge.it/

http://www.festivalfilosofia.it/2015/

http://www.bolognadesignweek.com/

BUONE VACANZE !!!!!!!   🙂


4 commenti

Anziane

Ieri sera ho visto un curioso docu-film, “Le Favolose” che racconta le storie di alcune donne ultra ottantenni (forse anche ultra novantenni…) che hanno riscoperto la vita in età ormai avanzata e si sono rituffate in attività, eventi, faccende, ….
Tutte accomunate per altro da un certo gusto per la moda, molto personale, eclettico, anche psichedelico a volte 😀
Se da una parte sono rimasta, ovviamente colpita, ma direi ammirata dalla loro intraprendenza, voglia di vivere, gioia… dall’altra sono perplessa: sembrava a momenti una cosa forzata, forzosa, esagerata e forse esasperata.
Ci sto ancora pensando…
Interessante


3 commenti

Buona visione

Nelle ultime due settimane, sono stata un paio di volte al cinema.
Due film completamente diversi, ma pensandoci, con dei punti in comune: situazioni paradossali, attimi intensi e forti, momenti assurdi e/o buffi. E grandi verità.
“The Counselor” è tosto, duro, “apparente”. Cerco di spiegarmi… i tempi di accadimento dei fatti sono spesso mixati, spostati, e talvolta  sembra che il regista dia assaggi di storie, senza approfondire più del necessario e questo, allo stesso tempo, incuriosisce e sazia.
Tutti i personaggi sono a loro modo protagonisti, recitati benissimo, da un cast di tutto rispetto (io adoro Javier Bardem!  che personaggio.. 😉 ).
Un film d’azione, si, ma forse non tanto quanto ci si aspetterebbe. Tanto dialogo, alcune perle. Bello.
“Tutta colpa di Freud” è una piacevole commedia italiana che racconta di una famiglia originale. Anche qui, tutti i soggetti sono parimenti in luce, ognuno con le proprie sfumature di vita. Tra le battute, le gaffes, la quotidianeità, l’eccezione, emergono situazioni condivisibili e condivise, nelle quali ci si può riconoscere e scoprire che la leggerezza aiuta. Ma si rimane con un dubbio : quel 5%… ???  Mannaggia a Freud!   😉  😀


Lascia un commento

A occhi aperti

Aperti per vedere, per sentire, per capire… per carpire. Attimi, istanti, momenti indelebili passati alla storia, spesso grazie proprio alla cattura di quello scatto.
“A occhi aperti” di Mario Calabresi è un libro che raccoglie immagini e intreviste di chi quelle immagini le ha fissate sulla pellicola.
Me l’ha segnalato Chiara (grazie!) e mi sono messa alla ricerca di informazioni e pareri. Non l’ho ancora tenuto tra le mani, ma mi sembra prometta bene. Un anteprima qui :

Curiosità : digitando il titolo in un motore di ricerca, una “d” di troppo mi ha dato come risulatato un film di M. Night Shyamalan, il regista di “Il sesto senso”, “Unbreakable”, “The village” …film particolari, con profondi significati svelati e da scoprire. “Wide awake” (“Ad occhi aperti”) immortala una storia precisa, dei fermi immagine nella vita di un bambino alle prese con una realtà complessa. Come le foto… Saranno anche altre le analogie?  Da una breve lettura della trama, mi pare di si…  😉

 


Lascia un commento

Italy in a day

Stavo guardando la tv e mi ha fortemente incuriosito la pubblicità di un’insolita iniziativa… che si conclude con una garanzia: Gabriele Salvatores.
Ho acceso subito il computer e ho cercato…

http://www.italyinaday.rai.it/dl/portali/site/page/Page-89e4a067-1d7a-4eb3-b510-d641f2a70b9d.html

Che bella idea!
Ciascuno ha la possibilità di filmare alcuni attimi della propria vita, della propria quotidianità e inviarli alle sapienti mani del regista, che ne farà un film collettivo, che racconta tante storie… e una sola. Un collage di scorci per un unico panorama  🙂
Curioso, intrigante, stimolante, innovativo, evolutivo, …
Quasi quasi…..  😉

 


Lascia un commento

Il peso (leggero) della cultura

..l’ho visto negli occhi sereni e sorridenti delle donne peruviane, in quelli curiosi e felicemente ansiosi dei bambini che le aspettano, in quelli saggi e densi degli anziani dei villaggi, che lo riflettono nel raccontare le loro tradizioni, nel proseguire un’opera preziosissima di tramandamento.
Sempre in occasione del Festivaletteratura di Mantova, leggendo il programma, sono stata incuriosita dalla proiezione di un film-documentario : “Libri e nuvole”, di cui per altro avete già avuto un assaggio qui qualche tempo fa (..andate a rivedere “il promo” del festival  😉 ).
Sono andata a vederlo. Bello! Bellissimo! …la storia, la fotografia, le persone, i luoghi, … i libri e quel che ci gira attorno.
Il filmato ci porta a conoscere una realtà lontana, sulle Ande peruviane, una realtà semplice, ma incredibile, concreta, affascinante, …una realtà che però, purtroppo, è a rischio.
Si tratta delle “biblioteche rurali”, una rete di piccole librerie domestiche dislocate nelle case dei più remoti villaggi, per la gioia, la conoscenza e la curiosità di bambini e adulti che attraverso la lettura apprendono, scoprono, sognano, viaggiano, …
E non solo, perché si è attivata anche la riscoperta di vecchie storie, tramandate da chissà quanto tempo, che il responsabile del progetto raccoglie e trascrive su piccoli libretti che vengono poi distribuiti con questo sistema: donne che si caricano i libri sulle spalle e poi a piedi! percorrono dieci, dodici, diciotto, ventiquattro ore di cammino per raggiungere le “case biblioteca”. E ben contente di farlo.
Al termine del film, era presente in sala il regista Pier Paolo Giarolo, che ho scoperto ha girato diversi film-documentari-inchieste interessanti e curiosi. Ho apprezzato anche il suo intervento, tanto che all’uscita dal cinema sono andata ad incontrarlo e a proporgli di intervenire in una serata/evento Cucù. Con mio grande piacere e sorpresa, si è felicemente dichiarato disponibile. Grazie!
Quindi… prossimamente su questi canali!  😉
Il peso della cultura? …sembrava leggero sulle spalle di quei radianti sorrisi  🙂

 


1 Commento

Va ora in onda…

Ci sono libri che mentre li leggi vedi il film, ti scorre davanti agli occhi, ti sembra di essere al cinema, piuttosto che sul divano… sotto la coperta in un’uggiosa giornata autunnale (sistuazione ottimale dell’immaginario collettivo..).
E’ questo il caso dei romanzi di Tiziano Sclavi ed è anche facile capirne il perchè: Sclavi è infatti lo storico sceneggiatore di Dylan Dog, “paroliere” del mitico eroe dei fumetti, la mente e l’anima.
Già qualche anno fa avevo letto un paio dei suoi libri e recentemente un’amica che ha avuto “in eredità” diversi volumi, me ne ha fatto scegliere alcuni, tra cui questo. “Nero”.
In un serrato susseguirsi di immagini, con “meravigliante” leggerezza, il (…?) protagonista si muove attraverso situazioni, spazi, tempi sovrapposti.
Ad un certo punto si va in confusione, ma una confusione divertente, ammiccante, intrigante… quella che ci vuole, insomma!
Bella scrittura, belle idee, originalità… spassoso proprio  🙂

 

Tiziano Sclavi
“Nero”
Fabbri Editore