cucublog

curiosità & cultura


Lascia un commento

Mettersi in gioco

Giocare! A chi non piace??
Certo i tempi sono cambiati…
Ma si può trovare qualche idea originale!
Qui un’ottima opportunità per chi si intende di App e ha fantasia da vendere  😉
…giochiamo?

 


Lascia un commento

Le luci in città. La città in luce.

Leggo di un interessante iniziativa e ve la riporto :

http://www.archinfo.it/riprendi-ti-la-citta-riprendi-la-luce/0,1254,53_ART_9643,00.html

La luce è un elemento/tema molto affascinante. Luci e ombre. Giochi soffusi o abbaglianti; bianchi, colorati, neri; messe in evidenza o creazione di nascondigli; manifestazione e mutazione; …
Se qualcuno fosse interessato a partecipare, qui il regolamento :

Regolamento Concorso Video Aidi def02

Auguri per un 2014 luminoso!  😉

 


3 commenti

L’illusionista

Nelle mie scorribande in rete alla ricerca di mostre interessanti da andare a vedere e da consigliare, questa mi era sfuggita. Fortunatamente un’amica me l’ha segnalata. Grazie Sere!
Escher, maestro di grafica, di illusione, di segni, di giochi, matematico, scienziato, …ispiratore anche di tatoo  😉

http://www.palazzomagnani.it/2013/07/lenigma-escher/

A me è sfuggita… ma a chi altro? Ho indagato un po’ e ho accertato che questa iniziativa non ha avuto e non ha la pubblicità che merita. Mi chiedo come mai, vista la sua valenza.
Meccanismi della logica (?) del sistema…
Sovvertiamo il sistema: tutti a vedere Escher!  …a farci illudere un po’, a non capire per poi comprendere, a scoprire stanze segrete della nostra mente, che con un clik meraviglioso si aprono inaspettate  🙂

2


Lascia un commento

Oggi è festa!

 


1 Commento

Libera tutti!

Sono fortunata, sono cresciuta in campagna, un ambiente particolarmente magico e ricco di sorprese, nel quale ho trascorso una bellissima infanzia.
Eravamo liberi, veramente : quando correvamo nei campi, fino a perdere il fiato, saltando fossi e sbucciandoci le ginocchia, ci sembrava di aver bucato i confini, che il mondo fosse nostro e ancora tutto da scoprire, intonso, mai toccato da nessuno.
La bellezza era in ogni cosa, dalle più piccole alle… più piccole ancora, invisibili, inprendibili, eppure concrete, forti; ci costruivamo sopra castelli di sogni presenti, visibili, vivibili.
L’occupazione principale era ridere, ti tutto, di niente, ma ridere, senza neanche più il respiro per farlo, soffocato dal fiatone per la corsa o la pedalata, ma comunque scoppia di risate con echi infiniti. Se ci penso, li sento ancora…
Non importava che piovesse o ci fosse il sole : fuori, sempre fuori! vivere nella natura, con la natura, naturalmente.
E proprio la natura dei luoghi ci dava la possibilità di giocare il gioco migliore, il più divertente, a volte persino complicato : nascondino!
Possibilità incredibili di nascondersi, di fare strategie, di farsi trovare. Con una postilla finale : l’ultimo “superstite”, se riusciva a raggiungere la tana (punto della conta e di partenza per trovare gli altri) senza farsi scoprire, poteva salvare la compagnia : “Libera tutti!!”.
I tempi sono cambiati… e anche i giochi.
Ma ce ne sono di belli anche ora!
Mi è capitato per le mani un volantino di un’interessante iniziativa, che ha mosso questi ricordi…
Potete trovare informazioni, spunti e proposte qui :

http://www.segnidinfanzia.org/

 

 

 


10 commenti

Un, du, trì…

Questo weekend nelle vie e nelle piazze del centro storico di Verona interessanti e divertenti appuntamenti, per tutte le età …senza età  😉

http://www.tocati.it/