cucublog

curiosità & cultura


5 commenti

Spicchiotti

Avete presente quelle belle zucchine tonde, cicciottelle e un po’ buffe? Ecco…
Soffriggete in una padella due scalogni con un paio di acciughe.
Tagliate a metà dei pomodorini e saltateli a fuoco alto nel soffritto, aggiungendo un po’ di pepe e un pizzico di zucchero (fa sì che i pomodori rilascino l’acidità in eccesso e li mantiene belli lucidi e invitanti..).
Tagliate le zucchine in 4 spicchi e una volta che i pomodorini sono appassiti, tuffatele nella padella con un po’ di salvia e un cucchiaino di curcuma.
A cottura quasi ultimata, spolverate con una manciata di pane grattugiato (raccoglie il sughetto e dà un tocco in più).
Ottime come contorno a qualsiasi cosa, o anche come accompagnamento ad un couscous o altro cereale.

 


Lascia un commento

Incontro goloso

Ieri sera, in occasione dell’ultimo incontro sotto le stelle con i Mau (bellissimo!), ho preparato per i miei ospiti una torta di prugne con soffio di cannella e profumo di timo.
Buona! Ne sono stata proprio soddisfatta, perché è una delle mie torte preferite, per di più legata a ricordi d’infanzia, quando a farmela, in versione “tipica”, era un’amica tedesca, che insieme alle prugne metteva anche il rabarbaro. Delizia!
La base è la classica di quasi qualsiasi torta (farina, lievito, uova, latte (io uso quello di riso), olio (o burro), un pizzico di sale, … se volete un po’ di zucchero..). Nell’impasto ho messo anche un po’ di succo di limone e delle foglioline di timo fresco.
Steso il composto nella teglia, ho posizionato sopra (sparse o con un disegno, come preferite..) le prugne, precedentemente “disossate” e tagliate a metà.
Per terminare, una leggera spolverata di cannella e una presa di zucchero di canna grezzo.
In forno per un’ora a 180°.
Se volete arricchirla e dare un tocco ulteriore, è buona accompagnata da panna fresca o gelato alla vaniglia.

torta prugne


Lascia un commento

Coda di stagione

Il calendario ci dice che la primavera è iniziata (…?) , ma la coda di questo inverno sembra dilungarsi.
Si protraggono quindi anche i frutti di stagione (trascorsa… 😐 ) e dopo i bagordi di questi giorni appena passati (..quante uova avete mangiato?  😉 ), una “riassestata” forse ci vuole.
Ecco allora una buona insalata che ho sperimentato recentemente, molto gustosa e ricca… ma comunque leggera, depurativa  😉  : radicchio rosso, finocchio, arancia, feta, tonno.
Il radicchio, così come il finocchio, è preferibile tagliarlo sottile; l’arancia invece la potete tenere a tocchetti grossolani; sbriciolate la feta; aggiungete i filetti di tonno. Condite a piacere con poco sale (la feta è saporita e il tonno pure, inoltre il finocchio ha una propria sapidità), pepe abbondante (ci sta proprio bene!), olio e.v. e aceto balsamico, oppure di mela.