cucublog

curiosità & cultura


4 commenti

Ho visto una cosa…

…insolita. Un libro ammiccante!? 😮
E’ uno di quei libri che non ti stravolgono la vita, che non corri a casa di corsa perchè non vedi l’ora di riprenderlo in mano, che non stai sveglia la notte finchè gli occhi proprio non ce la fanno più.
Eppure… sta lì, sul tavolo della cucina o sul divano, ti guarda passare, in faccende affaccendata, e ti strizza l’occhio.
E tu percepisci la sua presenza, la sua intenzione… ti stuzzica, perchè… perchè in qualche modo si attacca a parti interne di te, delicatamente, qualcosa prende e qualcosa dà.
E’ semplice, curioso, direi quotidiano. E poi è dolce, si dolce. Scritto bene, lineare, pervaso e profusore di una strana dolcezza.
Anche adesso è qui, sull’angolo del tavolo e sorride che vi sto raccontando di lui  🙂

Edoardo Boncinelli
“Una sola vita non basta”
Ed. Rizzoli


Lascia un commento

Il peso (leggero) della cultura

..l’ho visto negli occhi sereni e sorridenti delle donne peruviane, in quelli curiosi e felicemente ansiosi dei bambini che le aspettano, in quelli saggi e densi degli anziani dei villaggi, che lo riflettono nel raccontare le loro tradizioni, nel proseguire un’opera preziosissima di tramandamento.
Sempre in occasione del Festivaletteratura di Mantova, leggendo il programma, sono stata incuriosita dalla proiezione di un film-documentario : “Libri e nuvole”, di cui per altro avete già avuto un assaggio qui qualche tempo fa (..andate a rivedere “il promo” del festival  😉 ).
Sono andata a vederlo. Bello! Bellissimo! …la storia, la fotografia, le persone, i luoghi, … i libri e quel che ci gira attorno.
Il filmato ci porta a conoscere una realtà lontana, sulle Ande peruviane, una realtà semplice, ma incredibile, concreta, affascinante, …una realtà che però, purtroppo, è a rischio.
Si tratta delle “biblioteche rurali”, una rete di piccole librerie domestiche dislocate nelle case dei più remoti villaggi, per la gioia, la conoscenza e la curiosità di bambini e adulti che attraverso la lettura apprendono, scoprono, sognano, viaggiano, …
E non solo, perché si è attivata anche la riscoperta di vecchie storie, tramandate da chissà quanto tempo, che il responsabile del progetto raccoglie e trascrive su piccoli libretti che vengono poi distribuiti con questo sistema: donne che si caricano i libri sulle spalle e poi a piedi! percorrono dieci, dodici, diciotto, ventiquattro ore di cammino per raggiungere le “case biblioteca”. E ben contente di farlo.
Al termine del film, era presente in sala il regista Pier Paolo Giarolo, che ho scoperto ha girato diversi film-documentari-inchieste interessanti e curiosi. Ho apprezzato anche il suo intervento, tanto che all’uscita dal cinema sono andata ad incontrarlo e a proporgli di intervenire in una serata/evento Cucù. Con mio grande piacere e sorpresa, si è felicemente dichiarato disponibile. Grazie!
Quindi… prossimamente su questi canali!  😉
Il peso della cultura? …sembrava leggero sulle spalle di quei radianti sorrisi  🙂

 


Lascia un commento

Etimologia

Nel leggere e nell’ascoltare incontro spesso parole che mi incuriosiscono, di cui mi piace andare a scoprire il significato, le origini, le possibili e più varie applicazioni.
E allora partiamo proprio da lì, dalle radici.
Etimologia è la scienza degli ètimi, ossia della “forma più antica, documentata o ricostruita, cui si possa risalire percorrendo a ritroso la storia di una parola”. Deriva dal greco étymon, sostantivo neutro dell’aggettivo étymos, che significa “vero”.
Considerare quindi l’etimologia di un termine, vuol dire conoscerne la verità.
Interessante… Ma quante verità ha ciascuna parola?
Qualcuno ha detto che “d’ogni verità anche il contrario è vero”. Mi pare corretto.
La ricerca della verità dovrebbe essere prima di tutto apertura e comprensione dei suoi diversi aspetti, compresi appunto quelli contrari (o apparentemente tali…).
E allora penso : la verità è assoluta…. ma è allo stesso tempo relativa!  😉