cucublog

curiosità & cultura


Lascia un commento

Porto

Il porto.  Come sarà nata questa parola?  È così adatta.  Gente che viene, gente che va.  Movimenti curiosi, frenetici il giorno, più rilassati dal tramonto.  Momento intenso e leggero insieme.  Viaggi che trovano meta, sosta, tappa provenendo attraverso una superficie che lievi li sostiene e sotto nasconde segreti.  Sul filo dell’aria, che tenta talvolta di rallentarli: prenditi tempo.  Il tempo in porto è diverso, è altro, forse non c’è.  Si sta sospesi, affaccendati e osservanti.  È sempre così affascinante…  Suoni, voci, il sole si spegne, altre luci si accendono, la frenesia cala, la giornata si rilassa.  Il porto riposa (apparentemente…..)

(Marettimo, Tp, Sicilia)


1 Commento

Osservate

Avete mai osservato che spesso ad uno stesso nome (di persona) corrispondono caratteristiche uguali?
Avete mai osservato com’è sorprendente riconoscersi nel gesto di un altro?
Avete mai osservato che se sorridete, seppure gli occhi si stringano, la luce intorno è di più?
Avete mai osservato il vostro respiro, i suoi mutamenti?
Avete mai osservato che il vento scompiglia i pensieri, regala un nuovo ordine?
Avete mai osservato come le persone cambiano ai vostri occhi e voi con loro?
Avete mai osservato che d’un tratto non vi manca più niente? che le priorità son cambiate, son leggere? che la nostalgia è di qualcosa ancora da venire e non più del passato?
Osservate…
E osservate poi quella sensazione allo stomaco, poi più sù… e il sorriso morbido e comprensivo che vi si disegna sul viso. Osservate…


2 commenti

Walkscapes

Francesco Careri ci porta alla scoperta dell’arte di camminare.
La pratica estetica del camminare consiste nel rendere il nostro vagare uno strumento di osservazione dello spazio che ci circonda.
In un libro molto interessante e ben costruito, l’autore ci racconta la storia e l’evoluzione di questa antica pratica, che si è forse persa in alcuni momenti, ma ancora adesso torna.
Vi avviso: ci sono tantissimi spunti, per cui non prendetevela con me se dopo averlo letto (o forse ancora prima, come ho fatto io…) vi istigherà a leggerne altri  😉
Lettori avvisati, mezzi salvati!  😀

Francesco Careri
“Walkscapes”
Ed. Piccola Biblioteca Einaudi