cucublog

curiosità & cultura


3 commenti

Giù tra i libri

Forse cercavi qualcosa di preciso. Ma non te lo ricordi più. E ti ritrovi seduta per terra con la libreria di fronte, spopolata di libri, che ora sono accanto a te, sul pavimento. Perché la ricerca iniziale (che all’inizio ricordavi) ti ha portato a riprendere in mano volumi che non sfogliavi da tempo. E giri pagine, le annusi, spii nelle pieghe istantanee di momenti passati, di quel giorno in cui li hai aperti per la prima volta. E indovini quel che ti ricordi, scopri quello che ti hanno lasciato, emerge quel che ancora hanno da dirti (…te l’avevano mai detto prima?). Ogni tanto manca un micro angolo ad alcune pagine, morsi minuscoli ma intensi, mentre labbra e lingua non hanno lasciato segni. 

Era una ricerca e trovi molto, più di quello per cui hai iniziato. 

…perché ho iniziato? Cosa cercavo?

Non mi interessa più, forse domani. Ora viaggio attraverso paesaggi di parole, disegnano luoghi, verità e magia, ebbri di passione e vita, sguardi e corpi, saziano. Ma anche se sazia, c’è sempre spazio per una ricetta immorale.


Lascia un commento

Serre galleggianti e insetti architetti

La ricerca già da tempo ha preso strade alternative, nella speranza di soluzioni innovative ed efficaci e per espolorare risorse mai considerate. Fa il suo lavoro insomma  😉
Talvolta porta a delle conclusioni veramente interessanti; altre, non che non siano interessanti, ma paiono quanto meno… bizzarre, nascondono però verità e potenzialità inimmaginate.
Ecco un paio di esempi dell’uno e dell’altro caso.

Ci posso anche stare, ma le cavallette?? Ho qualche problema con loro… Anche no!  😉

 


4 commenti

Ansa: Augias is back!

Lo leggo proprio ora sulla sua pagina Facebook, che riporta una notizia Ansa :

http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/tv/2014/03/30/augias-racconto-i-visionari_6cddd573-08c7-43b1-8893-eaf3c64815c0.html

Non ce l’ha fatta a stare lontano dalla sua poltrona; non ce l’hanno fatta a trovare un sostituto che fosse all’altezza.
L’articolo annuncia il ritorno di Corrado Augias con una serie di “interviste impossibili”, con personaggi ormai passati che hanno fatto la storia.
Curioso, interessante.
E poi il titolo del programma ci piace proprio tanto: “Visionari”.
Può piacere o meno come persona, si può essere d’accordo o no su quanto sostiene in merito ad alcuni delicati argomenti, ma una cosa è certa e indiscutibile: sa fare il suo lavoro e ha saputo, e saprà, appassionare molte persone con le sue ricerche e condivisioni.
Bentornato!

 


2 commenti

Kahn. A proposito di Oscar…

…nel 2004 ha avuto la nomination come miglior documentario.

Uno dei più bei film/documentario che ho mai visto.
Un figlio alla ricerca di un padre che gli mancava già prima, alla scoperta di lati sconosciuti di lui.
Un racconto intenso, profondo, a momenti magico.
Louis Kahn, uno dei più grandi architetti moderni, una figura particolare, un tecnico carismatico e un uomo frattale.
Nathaniel Kahn, il figlio, un grande desiderio di conoscere e il viaggio nelle opere dell’uomo che aspettava sempre, nei luoghi che ha vissuto, nelle persone che l’hanno conosciuto e hanno condiviso con lui lavoro e vita.
Un incontro mancato, che finalmente avviene.
Bellissimo!
Per conoscere l’architetto sotto una luce inusuale, magnificenza e dannazione, creatività e umanità. Soprattutto umanità.

 

“My architect. Alla ricerca di Louis Kahn”
di Nathaniel Kahn
Feltrinelli Real Cinema