cucublog

curiosità & cultura


Lascia un commento

Alberi

Gli alberi mi insegnano.

Io testarda, a volte capovolgo.

E allora tra le dita libertà,

voglia di andare.

E allora nella testa ferro,

acqua e vermi.

Persa e ritrovata.

Poi capo-volgo.

Qual’è persa e quale ritrovata?
SZ
02/07/2016

(10:45)


Lascia un commento

…li conosco

Ho visto un uomo l’altro giorno. Era su una panca ai giardini. Gli mancava mezza gamba. Ne aveva mezza costruita per suo conto con non so cosa. Stava vedendo di sostituirla con il tubo di un aspirapolvere trovato chissà dove, scartato da chissà chi.

Mi accorgo adesso che è due giorni che me lo porto dentro.

Non è pietà, nemmeno compassione. Non è buonismo, neanche ipocrisia. È solo così.

Forse ho guardato qualcosa che devo ancora vedere. Forse sento qualcosa che devo ancora sapere.

Non è stata la gamba. Sono state le mani. La testa china. Gli occhi. Non li ho visti ma li conosco.


1 Commento

Eh già…

  

” Sentire. Percepire. Tremare dentro.

Sotto pelle un messaggio, fino allo stomaco.

Rivoluzione evoluzione di cose invisibili. 

Salti in un vuoto intenso. Luminose emersioni. ”

SZ


Lascia un commento

Audiodocumentari

Iniziativa interessante di Internazionale, che propone una nuova rubrica dedicata ad una serie di documentari audio.
Informazioni e link nell’articolo del autore/curatore della novità, che fa stimolanti osservazioni: ascoltare, invece che guardare o leggere, da una parte lascia liberi gli occhi e ti permette di fare anche altro nel frattempo; dall’altra richiama un’attenzione più sottile…
Proverò ad ascoltare 😉


4 commenti

Le orecchie tappate

Ma li avete visti??
La gente in treno, in autobus, sul tram, anche in giro a passeggio.
Tantissimi hanno gli auricolari nelle orecchie, principalmente con la musica, altri quelli del cellulare.
Escono di casa già così!? e se li tolgono solo giunti a destinazione (qualcuno nemmeno allora…).
Ma il mondo, l’avete mai ascoltato??
I rumori intorno, gli umori degli altri. Il cigolare del mezzo su cui state, lo sternuto di quello seduto a fianco a voi. Gli avete detto “Salute”?
Il variare sottile dei suoni nelle diverse stagioni. Eh si, mica sono sempre uguali, in base all’aria, al calore, al contesto, cambiano.
Stappatevi le orecchie ogni tanto!  😉
Diventate sordi al mondo così. Manco aveste il cerume!? Quello se non altro, ha una sua funzione…  😀


4 commenti

Vedo dei sogni

“Vedo dei sogni.
Fluttuano nell’aria, poi si posano, si fanno più nitidi.
A volte so già che voleranno via ancora, altre so che li rivedrò, la prossima volta saranno concreti.
Miraggi o presagi, desideri o malinconia.
Vedo dei sogni.
Si sporgono dal bordo dell’anima e con un salto si lanciano in volo.
A volte si perdono, forse in qualcun altro, altre cadono qui e mi dipingono in faccia un sorriso.
Illusioni o speranze, placebo o cura.
Vedo dei sogni.
Non mi basta, ma mi nutre”.

SZ


Lascia un commento

Occhi curiosi. Parlano.

“Occhi curiosi.
Cercano di scrutare lontano,
indagano, si chiedono.
Cercano di svelare vicino,
cose buffe, interessanti.
Occhi curiosi.
Vedono cose non viste,
sentono cose non dette.
E poi parlano.
Li vuoi ascoltare?”

SZ