cucublog

curiosità & cultura


Lascia un commento

Loop

…ma non è una musica: è nella testa.

Gira, gira, gira, …. Quando per diverso tempo hai ritmi serrati, intensi, complessi e poi arriva il momento in cui ti fermi, ti sospendi in attesa. E ti senti strana perché eri così dentro il ritmo precedente, che questo nuovo non ti pare tuo. 

Attesa. Attesa che altro si muova, si manifesti, che evolvano i semi che hai piantato. Attesa per vedere esiti, reazioni, stabilizzazioni. Attesa per capire, per ascoltare, per far depositare. Attesa…

E intanto cerchi di vestirti di quest’altro ritmo. È come un paio di jeans finita l’estate, durante la quale hai indossato pantaloni più leggeri, pantaloncini, vestiti, costume, …niente. Inizialmente sono rigidi e strettini, un po’ ansiogeni. 

Attesa. Jeans. Quaderno, matite, penne. Macchina fotografica. Libri. Occhi, cuore, pancia e testa. 

Ok, posso riempire questo tempo, sarò il mio loop.