cucublog

curiosità & cultura


4 commenti

Non luoghi

Da anni lo trovo citato in diverse circostanze, ma ero reticente a causa di una non proprio piacevole lettura precedente dello stesso autore… Infine mi sono decisa.
Non ho ancora capito se sono completamente d’accordo con la definizione che Augé da di questi luoghi “altri”, il testo però è molto interessante, antropologico, sociologico, urbanistico, …
Nonostante risalga ormai ad alcuni anni fa, considerato quanto corrono i tempi, rimane attuale.
Forse in alcuni punti non sembra ma… la sua attualità in questo caso è quella di saper “stoppare” i ritmi incalzanti e permetterci di rallentare, osservare e vedere cosa è cambiato. Prima/mentre eravamo troppo presi dal vortice e non ce ne siamo accorti…

Marc Augé
“Nonluoghi”
Ed. Elèuthera


Lascia un commento

PPP e la città

Che forma ha la città?
Quale immagine rimanda?
Pier Paolo Pasolini ci racconta la sua versione

 


3 commenti

MVRDV

Non ho sbagliato a scrivere. Non è un nuovo idioma.
E’ il nome di un noto studio di architettura, con sede a Rotterdam.
Lo conoscete? Date un’occhiata… Notevole! A volte anche assurdo, ma comunque interessante, innovativo, stimolante.
Hanno appena vinto un concorso a Vienna per la realizzazione di un palazzo che avrà la caratteristica di “torcersi” su se stesso, così da garantire luce alle strutture vicine.
Già, perchè in Austria vige questa norma.
Interessante anche questo aspetto…  😉

 


Lascia un commento

“Autostrada e paesaggio”

..è il titolo di una mostra che si tiene al Mart di Rovereto in questi giorni, fino ai primi di febbraio, solo un paio di settimane.
Ne ho letto qui e poi ho cercato altre informazioni, trovandone sulla pagina Facebook del museo.
Si tratta dell’esposizione di un progetto già in atto da tempo, per la scoperta, la valorizzazione del paesaggio e come osservatorio delle trasformazioni del territorio.
L’iniziativa nasce quattro anni fa dalla collaborazione tra Mart, Università di Trento e Autobrennero.
Mi sembra molto interessante e curioso  🙂

 

 


Lascia un commento

Serre galleggianti e insetti architetti

La ricerca già da tempo ha preso strade alternative, nella speranza di soluzioni innovative ed efficaci e per espolorare risorse mai considerate. Fa il suo lavoro insomma  😉
Talvolta porta a delle conclusioni veramente interessanti; altre, non che non siano interessanti, ma paiono quanto meno… bizzarre, nascondono però verità e potenzialità inimmaginate.
Ecco un paio di esempi dell’uno e dell’altro caso.

Ci posso anche stare, ma le cavallette?? Ho qualche problema con loro… Anche no!  😉

 


1 Commento

1000 orti per Milano

Si tratta di un concorso, indetto in copartecipazione da tre Enti, che premia i migliori progetti rivolti alla realizzazione di una rete di orti urbani a Milano.
A prescindere dai temi di Expo 2015 e dall’Expo stesso, su cui ciascuno può avere la sua idea (io una chiara non me la sono ancora fatta…), mi pare una buona iniziativa.
Tra l’altro non è aperta solo ad “esperti del mestiere”, ma anche agli studenti dell’ultimo anno (specialistica) delle facoltà tecniche.
Trovate info e link qui.Inoltre scopro che in giro nel mondo, ad esempio in California, iniziano a redigersi vere e proprie leggi, come la AB551, per la promozione e la tutela dell’agricoltura urbana. Well done!  🙂

 


2 commenti

Walkscapes

Francesco Careri ci porta alla scoperta dell’arte di camminare.
La pratica estetica del camminare consiste nel rendere il nostro vagare uno strumento di osservazione dello spazio che ci circonda.
In un libro molto interessante e ben costruito, l’autore ci racconta la storia e l’evoluzione di questa antica pratica, che si è forse persa in alcuni momenti, ma ancora adesso torna.
Vi avviso: ci sono tantissimi spunti, per cui non prendetevela con me se dopo averlo letto (o forse ancora prima, come ho fatto io…) vi istigherà a leggerne altri  😉
Lettori avvisati, mezzi salvati!  😀

Francesco Careri
“Walkscapes”
Ed. Piccola Biblioteca Einaudi