cucublog

curiosità & cultura


Lascia un commento

Intolleranza

Dal vocabolario: “incapacità o impossibilità a sopportare (oltre) una determinata cosa, situazione… ipersensibilità…”.

Quando vivi un’esperienza forte, molto, ti cambia le prospettive su molte cose, forse tutte, sulla vita intera magari.
Quello che già prima ti stava stretto, ti dava noia, ti infastidiva, era un innesco di un cambiamento, fa uno scatto in più ed è fatta: sei intollerante!
Verso l’ipocrisia, la falsità, le lungaggini, “i giochini da perditempo”, …
E non hai più voglia di stare in certe situazioni, di confrontarti con certe persone, di procrastinare, di aspettare, di risparmiarti, di misurarti; di stare attenta a quello che dici, come lo dici, quello che fai, come lo fai, …
No!
La vita è adesso!!!

Emozioni, sensazioni, percezioni, visioni; sorridere, ridere, scherzare; sbilanciarsi, osare, rischiare; intensità, spontaneità, meraviglia; amare senza possesso, in svariate forme e sfumature; libertà, rispetto, niente colpa… volare, urlare, abbracciare, cercare, chiedere, comunicare, manifestare, …

#vitaadesso

 


Lascia un commento

Flash

“Ma cosa c’è che non va? Cosa c’è che non ti basta?”

“Non lo so…  È che ho voglia di sognare, non me lo voglio negare! Ho voglia di volare, di osare, di trasgredire, cambiare. La meraviglia, l’emozione, l’entusiasmo, la spontaneità….

“La vita scalpita: lasciala libera di correre”


Lascia un commento

Certa della vita

“Ho delle certezze così grandi da essere destabilizzanti.
Ho dei dubbi così forti da rendermi certa della vita.
Cose inaspettate mutano il corso.
Cose attese deludono e chiariscono le prospettive.
Sempre nel confine.
Ma ora comprendo che posso anche scegliere la mia terra.”

SZ


Lascia un commento

Cade la terra

L’ho letto in poche ore. Come quelle storie che ti prendono e non sai perché; e per questo sono più belle. Come quelle storie che parlano e tu tendi l’orecchio, a momenti alzi gli occhi per vedere se è vero, per ricordarti dove sei. Come quelle storie che sono di tutti, vere anche se inventate.

Carmen Pellegrino ci racconta della vita e di un’altra vita di un borgo, dei suoi abitanti, degli intrecci delle loro vite, difficili e aspre, dimenticate ma presenti. È come una passeggiata tra le vie del paese, a fermarsi su ogni porta, a sentire cosa hanno da dire gli abitanti, a tirare le fila che li legano, a chiedersi a chi si assomiglia. E molto altro tra le righe, oltre le righe…

E bellissime anche le motivazioni, gli stimoli, le emozioni che hanno guidato l’autrice, spiegate in principio alle note di coda, ma che poi senti costantemente presenti. In alcune mi riconosco molto…

Grazie Carmen!

  


2 commenti

Life

   

 


5 commenti

Life

Meraviglia, tenerezza, calore, coccole, cura, dolcezza, …

  


Lascia un commento

Accidenti al ritmo!?

Siamo sempre di corsa, mille cose da fare, da incastrare tra loro, qualcosa che sempre rimane indietro e ti dici che lo farai domani o quando hai un attimo di calma.
Poi la calma arriva. Due settimane di pausa…
Ma ormai il ritmo frenetico si è impossessato di te!?! E non riesci a fermarti, a rallentare. Fai tutte le cose che avevi lasciato indietro e anche di più 😐
Ti fermi solo la sera, crolli sul divano con la bolla di Sampei alla bocca… Stanca.
Ma anche contenta e soddisfatta 🙂
Perché, seppure è vero che il ritmo è sostenuto, hai fatto cose diverse dal solito.
E allora il ritmo è comunque in un certo senso cambiato 😉